I PROFILI PROFESSIONALI PIU’ RICHIESTI NEL 2016

NewSkillsL’Italia necessita di 100 mila esperti di digitale e 100 mila tecnici e progettisti per l’industria, secondo quanto affermano Google e Confindustria. E questo è uno dei sintomi della difficoltà che offerta e domanda di lavoro trovano nell’incontrarsi.

Unioncamere, utilizzando il sistema informativo Excelsior, è riuscita ad elaborare un indice con le 20 professioni più richieste tra quelle  a più elevata competenza, quindi dirigenziali, specialistiche e tecniche.

Come è logico che sia, le più ricercate sono le figure che fanno parte delle filiere più dinamiche, quindi professioni digitali, professioni green e professioni culturali e ricreative.

Considerando invece quelle di livello intermedio, allora mancano cassieri di esercizi commerciali e addetti alla gestione del personale

Esaminando i dati poi spicca la domanda per alcuni profili specializzati per numeri non troppo elevati ma in crescita molto decisa, come gli installatori di linee elettriche, i riparatori e i cavisti (domanda quasi triplicata),  i meccanici e riparatori navali e gli operai addetti ai macchinari per la produzione in serie di mobili e articoli in legno.

Tra i settori produttivi, a segnalare le maggiori difficoltà a trovare figure adatte ai bisogni (che riguardano  una figura su quattro) sono appunto quelli della metalmeccanica, dell’elettronica e dell’informatica.

Il 12% delle imprese segnala la difficoltà di reperire le figure necessarie, ma si arriva a punte del 40%. Al Nord nelle imprese con almeno 250 dipendenti  esiste una difficoltà maggiore. Soprattutto per le professioni dirigenziali, specialistiche e tecniche (22%).

I titoli di studio che le aziende prendono maggiormente in considerazione sono il diploma: il 40% richiede almeno il diploma, mentre per il 13% del totale è richiesta la laurea.

Una qualifica professionale è richiesta per assumere il 20% del totale, mentre per il restante 27% non viene richiesta alcuna formazione specifica.

Infine, vista proprio la difficoltà nel reperire le figure necessarie al proprio sviluppo, oltre un’impresa su 10 è disponibile ad accogliere i giovani studenti per i tirocini in alternanza scuola-lavoro, destinati agli studenti delle scuole medie superiori.

Qui sotto aggiungiamo i dati relativi alle singole figure con la percentuale che indica l’incremento di richiesta rispetto agli anni precedenti.

 

PROFESSIONI DIRIGENZIALI, SPECIALISTICHE E TECNICHE

PROFESSIONI DIGITALI

tecnici gestori di reti e di sistemi telematici +82%

progettisti e amministratori di sistemi +42%

tecnici web +41%

PROFESSIONI GREEN

tecnici dell’esercizio di reti idriche ed energetiche +51%,

tecnici fisici e geologici +50%,

tecnici del controllo e della bonifica ambientale +32%

PROFESSIONI CULTURALI E CREATIVE

operatori della filiera audiovisiva e cinematografica +30%

PROFESSIONI LEGATE AL MONITORAGGIO AVANZATO DEI PROCESSI MANIFATTURIERI

tecnici dell’organizzazione e della gestione dei fattori produttivi +109%

 

PROFESSIONI DI LIVELLO INTERMEDIO

IMPIEGATI E PROFESSIONI COMMERCIALI E DEI SERVIZI

cassieri di esercizi commerciali +58%

addetti alla gestione del personale +48%

LE IMMAGINI SOTTOSTANTI SONO PRESE DAL REPORT EXCELSIOR 2016 FABBISOGNI OCCUPAZIONALI FORMATIVI che trovate qui:
http://excelsior.unioncamere.net/images/pubblicazioni2016/excelsior_2016_fabbisogni_occupazionali_formativi.pdf

DONNE, E’ ARRIVATO L’ARROTINO! Come farsi notare nel mondo del lavoro

BLOG2

Stai cercando lavoro?

Passa subito all’azione! Assumi il ruolo di  Direttore Marketing del marchio “io”!

No, non ti sto prendendo in giro.

Prima di candidarti per una posizione di lavoro e comunicare che ci sei anche tu, devi conoscere l’importanza del personal branding e agire strategicamente sull’immagine che gli altri si fanno di te.

Questa proviene dalla combinazione di ciò che indossi, del cibo che mangi, della musica che ascolti, dalle osservazioni che fai sui social network o che lasci nel web.

Tutto ciò è inevitabile… e se il tuo obiettivo è ottenere quel posto di lavoro e dimostrare di essere la risorsa perfetta per quel ruolo, non ti resta che comunicarlo.

Non è cosa facile ma ognuno di noi ha la possibilità di essere un marchio degno di nota.

Come? Applicando alcune efficaci strategie.

Il primo passo da fare è dimenticare il tuo titolo di studio o la tua professione precedente e chiederti: cosa devo fare per accrescere il valore del mio marchio?

Il secondo passo che ti consiglio è conoscere gli strumenti e i canali di comunicazione in modo da mettere in atto strategie adatte ad ogni diverso contesto.

Utilizza il tuo account Facebook in maniera appropriata, cura costantemente il profilo LinkedIn, crea un network anche su Twitter.

Non sottovalutare la presentazione di te stesso! Segui ad esempio i 5 consigli base per rendere il tuo curriculum vitae indimenticabile, al post precedente.

E prendi esempio dall’arrotino…se vuoi farti sentire, il tuo slogan deve essere credibile!